Mar Morto

Uno dei luoghi più straordinari al mondo è la Rift Valley giordana che offre uno splendido paesaggio, nei pressi del Mar Morto essa raggiunge i 400 ( circa) metri sotto il livello del mare ed è la depressione più bassa del pianeta, un vasto specchio d’acqua che accoglie un gran numero di affluenti, tra i quali il Fiume Giordano, le cui acque, una volta raggiunto il Mar Morto, non hanno ulteriore sbocco, evaporando creano uno dei laghi più salati al mondo con una salinità pari a 345 g/l di sale per litro d’acqua, a confronto dei 35 g/l degli oceani, depositando un cocktail denso e ricco di sali minerali che forniscono prodotti di ottima qualità a industrie di cosmetica e medicina; indicata per numerose patologie come; Cellulite, forme reumatiche, allergie, acne, psoriasi, problemi circolatori e contro l’invecchiamento cutaneo.

 

La principale attrazione del Mar Morto è rappresentata dalle sue acque calde, rilassanti, ricche di Sali; cloruro, magnesio, sodio, potassio, bromo, ferro, selenio, zinco e molti altri minerali. Queste acque incredibilmente calde e leggere, ricchissime di minerali, hanno attirato visitatori sin dai tempi antichi lasciandosi conquistare dai fanghi neri, dal sale e l’acqua del Mar Morto; Tale ricchezza è utilizzata da secoli per trattamenti estetici e per alleviare molte malattie della pelle. La talassoterapia è basata sull’uso di prodotti naturali, con una metodica terapeutica che venne divulgata a partire dal 1700 dal medico inglese Richard Russel che utilizzava per le proprie cure tutti gli agenti e proprietà provenienti dai luoghi marini: prima di tutto l’acqua del mare stesso da bere e da iniettare (vista la sua similitudine di composizione con il plasma del sangue umano) o per immersione (come avviene nella balneoterapia), fanghi marini e idromassaggio.